venerdì 6 ottobre 2017

Indaco (albero, giallo)


Titolo: indaco

Il sole si adagiava all’orizzonte, le nuvole arrossivano timidamente e il cielo cambiava colore velandosi di indaco. Il riflesso formava attimi silenziosi e la prospettiva si schiariva nello spazio. 
Fu in quel momento che voltò lo sguardo verso quella pozzanghera e la osservò dall’alto, ma non vide altro che sé stesso, e ne fu deluso. Decise per questo di girargli intorno osservando le altre immagini che quella natura improvvisata creava: scorse un lampione ancora spento e un uccello che volava rapido, ma non se ne sentì soddisfatto. Si piegò quindi sulle ginocchia e la chioma d’uno spoglio albero d’autunno apparve triste.
Chiuse gli occhi, sconfortato.
Decise di sedersi su quell’asfalto freddo e sporco e gli ultimi piani di un palazzo giallo fecero capolino nella sua immagine, ma non erano nemmeno loro quello che cercava.
Si rialzò da terra e si spostò di qualche passo per poi distendersi completamente sulla strada con l’obiettivo ormai a qualche millimetro dalla pozzanghera: mise a fuoco lentamente e poi scattò.
In quello scatto c’era tutto ciò che avrebbe potuto catturare già solo alzando la testa, ma attraverso il tremore dell’acqua lo riscoprì molto più vivo.

Parole suggerite da Emilse Caggiano
Se anche tu hai voglia di inviarmi le tue 2 parole Clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento