martedì 11 settembre 2018

Imagine (piano e salotto = pianotto)

Una stanza buia con le luci spente. 
Qualcuno che entra, lasciando piccoli raggi invadere un pianoforte disteso nel salotto, solo e silenzioso. Lentamente le finestre della casa vengono spalancate e la luce diventa così intensa, da essere giorno in ogni angolo. Molte ombre, ma non c’è più oscurità.
Qualcuno si siede allo sgabello e inizia a toccare quei tasti, risvegliandoli dal loro riposo. 
Il suono pervade la luce, la luce pervade il luogo. Una voce inizia a seguire la melodia creata tra pensieri seri e parole di speranza, sogno, irrealtà. 
Qualcuno immagina, e immagina un futuro che non sa costruire se non col suono delle sue stesse parole e di quel pianoforte che solo, in una stanza illuminata, sta disegnando il tempo. 


Dedicato a questo video così semplice, ma che mi piace tanto.
https://www.youtube.com/watch?v=YkgkThdzX-8

0 commenti :

Posta un commento